lunedì 22 novembre 2010

Tron Interactive Poster

Evolution by Anthony Heinl ( FIREFLY Maggio Danza , Momix , daniel ezralow WHY)


Anthony Heinl ( MOMIX MAGGIO DANZA WHY di DANIEL EZRAlOW Comix Amici di Maria de Filippi. FIREFLY Maggio Musicale Fiorentin) six years creating and dancing in MOMIX and various productions in Italy and New York. EVOLUTION DANCE THEATER BY ANTHONY HEINL . For more information Contact info@evolutiondancetheater.com
copyright 2008

Vertical Road, Akram Khan Company, 3 min excerpt


Vertical Road is Akram Khan's latest contemporary ensemble work. Khan has assembled a cast of very special performers from across Asia, Europe and the Middle East. With a specially commissioned score by long-term collaborator composer, Nitin Sawhney, Vertical Road draws inspiration from the Sufi tradition and the Persian poet and philosopher Rumi. Exploring man's earthly nature, his rituals and the consequences of human actions, Vertical Road becomes a meditation on the journey from gravity to grace.

Amazing new iPad digital moving magazine shot on the Red

VIV Mag Interactive Feature Spread - iPad Demo from Alexx Henry on Vimeo.



Good friends of planet5D (sister site of planetiPad), Alexx Henry and Andrew Gant (of Alexx Henry Photography) sent us the information on their latest Apple iPad project, an incredible Digital Magazine concept that they shot on the RED camera. Viv magazine asked them to produce the digital cover and feature spread for the iPad.
“Together with co-directors Cory Strassburger and Ming Hsiung, we produced a motion magazine cover and feature spread for Viv Mag – an all digital magazine, which would allow us to create content that will be able to live on the iPad and other tablet devices where digital magazines can live.”

Alexx Henry speaks about Living Art and the Future of Motion in Photography

Living Art and the Future of Motion in Photography Seminar - Alexx Henry from Alexx Henry on Vimeo.


Living Art and the Future of Photography in Motion
Presented by Alexx Henry
Date: 10/05/10
Location: Columbia College
Chicago, IL
Photo professionals are already under pressure to offer motion to clients, but in the rush to provide motion, little is discussed about the type of content that will both serve the needs of the clients, and work with the strengths of the photographer.
Alexx discusses a new medium called “Living Art” which draws upon the strengths and disciplines of traditional print while exploring what motion has to offer.
This seminar will give you the tools to understand this new paradigm and how to apply your strengths as a photo professional.
Sponsored By: Workbook and APA
Special Thanks to Columbia College for hosting and filming.

sabato 20 novembre 2010

LABORATORIO | ISADORA + ABLETON LIVE


giovedì 2 dicembre alle ore 10.00 - 05 dicembre alle ore 17.00

PREMESSA
Un workshop sulle tematiche del video mapping e audio interaction offerto da Il Pagliaio con Quiet ensemble e Fabio Sestili. Il corso fornira’ ai partecipanti una base tecnica che permetta loro di sviluppare tecniche per la relazione real-time tra immagine / suono / ambiente.
Nello specifico durante il ciclo di lezioni saranno mostrate le moderne tecniche di videomapping, affrontando l’intero iter creativo, dall’ideazione dell’installazione all’applicazione delle tecniche interattive.
Verranno studiate le diverse modalita’ di realizzazione di ambienti sensibili e come diversi input fisici e digitali possono creare o modificare immagini, suoni o luci.

SVILUPPO
Il workshop sara’ suddiviso in 4 giornate di 6 ore ciascuna (3 ore isadora + 3 ore ableton Live), di cui l’ultima sara’ interamente dedicata all’ideazione e alla messa in scena dei progetti ideati dagli allievi.
Le prime tre giornate saranno dedicate allo studio dei software. Si partira’ dai concetti base, al fine di prendere familiarita’ con il software, per poi mostrare alcuni degli strumenti piu’ creativi e divertenti che vengono messi a disposizione nel programma.
Il quarto giorno sara’ dedicato alla realizzazione di un progetto per poi presentarlo domenica 12 dicembre durante la giornata melting, evento dedicato alla presentazione di diverse installazioni e performance di diversi artisti.
Verranno esaminati i principi base per la realizzazione di una performance di videomapping, ma anche come rendere quest’ultima interattiva a diversi stimoli come il movimento di una persona o il suono di uno strumento musicale, pertanto gli allievi sono invitati di portare al workshop tutta la strumentazione con la quale vogliono sperimentare
(controller midi, telecamere joystick wii, ecc).

MELTING | ISADORA + ABLETON LIVE
Dimostrazioni di lavoro | installazioni | lectures | aperitivo
12 dicembre 18:00 - 00:00

MELTING e’ una presentazione di diverse installazioni e performance, realizzate con strumenti come Isadora e Ableton Live o software affini.
Melting sara’ ospitato al Pagliaio, e vedra’ come protagonisti diversi artisti tra cui gli studenti che avranno partecipato al laboratorio “Isadora + Ableton Live” che avranno la possibilita’ di presentare una propria produzione.
Si inizia alle 18, aprendo i battenti per chiunque fosse affascinato da questo mondo a molti sconosciuto e per gli addetti ai lavori.
Il prezzo complessivo del laboratorio e’ di 150€ ed include la giornata Melting| Isadora+Ableton Live
Per iscriversi scaricare e compilare il modulo d’iscrizione e versare un acconto di 50€..
E’ responsabilita’ dei partecipanti procurarsi i materiali tecnici per lo svolgimento del laboratorio.

Le iscrizioni al laboratorio chiudono il 30 novembre 2010


DOWNLOAD PDF

http://www.quietensemble.com/home_files/isadoraableton%20live.pdf

DOWNLOAD MODULO ISCRIZIONE

http://www.quietensemble.com/home_files/Modulo_iscrizione-isadoraabletonlive.doc

venerdì 19 novembre 2010

Metamorphosis - Vesturport Theatre / Lyric Hammersmith



Metamorphosis

Part of the 2010 Next Wave Festival

Nov 30—Dec 4, 2010, 7:30pm
Dec 5, 2010, 3pm

US Premiere

A six-legged nightmare by Franz Kafka
Vesturport Theatre / Lyric Hammersmith
Music by Nick Cave and Warren Ellis
Adapted and directed by David Farr and Gísli Örn Gardarsson

“Illuminated by such brilliant theatricality that it’s impossible to tear your eyes away. Potent, startling, visceral and thoughtful.” —The Times (UK)

You wake up one morning to discover that you’ve turned into a giant bug. It’s the stuff of nightmares, unless you’re Kafka’s oddly placid Gregor Samsa—more concerned about being late to work than anything else. Leaping, scrambling, and skittering through this topsy-turvy stage adaptation of Metamorphosis, fearless actor (and director/adaptor with the Lyric Hammersmith’s David Farr) Gísli Örn Gardarsson of Iceland’s Vesturport Theatre telegraphs his mounting despair in a tour de force performance, supported by Nick Cave and Warren Ellis’ delicately inflected score. The excellent cast, each member embodying the alienation and dysfunction of Kafka’s unsparing tale, enhances the precariousness of the predicament as it morphs into outright cruelty.

BAM Harvey Theater
80min, no intermission
Tickets: $25, 45, 65

Performed in English

Set design by Börkur Jónsson
Lighting design by Björn Helgason
Costumes design by Brenda Murphy
Sound design by Nick Manning

Akram Kahn Company - Vertical Road

PRO FINDER [VARAVON]

Varavon’s Pro Viewfinder + our review of this HDSLR viewfinder with a unique low angle view option

PRO FINDER [VARAVON] from varavon on Vimeo.

martedì 16 novembre 2010

Taiji on 23rd Street Film and Discussion with Philip Glass and Sat Hon


Taiji on 23rd Street
Film and Discussion with Philip Glass and Sat Hon
Wednesday November 24, 2010 @ 7:00 PM
Price: $15.00
Member Price: $13.50
A film and discussion with composer Philip Glass and director Sat Hon
The extraordinary grace of the slow-moving Taiji gestures amid the rush of a river of people hurtling themselves toward their destination: this is New York. The spiritual practice of Taiji Quan, an ancient Taoist sacred dance is filmed on the ordinary, pedestrian thoroughfare of 23rd Street in New York City, accentuating the contrast of the sacred and the profane. The film took three years to complete as the Taiji movements commenced at the East River on the eastside of Manhattan and gradually progressed with the seasons along 23rd Street until reaching the Hudson River on the westside. Metaphorically 23rd Street becomes the Tao (or path) for the practitioner of this Taoist moving form.


http://www.rmanyc.org/events/load/938

Taiji on 23rd Street
2010, Sat Hon, USA, 25 minutes
Directed by Sat Hon
Taiji performed: Sat Hon
Music composed by Philip Glass
Filmed and edited by monika bravo
This film is a production of the ATPS, Inc., a non-profit educational organization.

©2010 RMA · 150 W. 17 St., NYC 10011 · 212.620.5000

venerdì 5 novembre 2010

First look at a real RED EPIC camera in the wild (Cine Gear Expo 2010)



Up close with the RED EPIC camera

Vu and I were at Cine Gear 2010 at The Studios at Paramount and were browsing the expo when we spotted a red epic camera. We could not hold back and had to ask to play with it. If we had more time with the red epic we would have loved to make a longer video showing you the production feature set… It would have also been nice to get some more detailed video footage of the red epic or better yet some real test video from the red epic. Now that would have been great to get awesome test footage from the red epic, even if it was a pre production red epic…

Ok, so some new goals will be to get some real test footage from a an epic camera and then make a red epic demo video.

Well, I hope you enjoyed this quick clip of the RED EPIC.

giovedì 4 novembre 2010

Ologrammi in diretta E' l'era della telepresenza




(4 novembre 2010)

Negli Stati Uniti sono stati creati dei video olografici in tempo reale. Grazie a una tecnologia si basa su polimeri con particolari proprietà ottiche. Si aprono le porte di un nuovo mondo a tre dimensioni. Con un ampio ventaglio di applicazioni.
Il robottino R2D2 richiamò l'attenzione di Luke Skywalker e Obi-wan Kenobi e fece partire il video-messaggio registrato dalla Principessa Leila per chiedere aiuto. Guerre stellari, anno 1977: fu questo l'esordio cinematografico dell'ologramma, ovvero la ricostruzione tridimensionale di un oggetto visibile a occhio nudo e dalle sembianze del tutto verosimili. A tradurre la fantascienza in realtà sono stati alcuni ricercatori della University of Arizona, che per la prima volta hanno creato un sistema olografico capace di trasmettere immagini in 3D in tempo (quasi) reale. La tecnologia apre le porte a un'esperienza completamente nuova di interazione a distanza: la videoconferenza olografica, versione hi-tech dell'appello di Leila. Per riuscire in questa scoperta, pubblicata sull'ultimo numero di Nature, il gruppo di ricerca guidato da Nasser Peyghambarian ha messo insieme le caratteristiche di un nuovo polimero che fa da schermo e un sistema di registrazione ed elaborazione delle immagini basato su ben 16 telecamere.

In cerca della dinamicità. La possibilità di generare attraverso il computer ologrammi di oggetti statici era già stata mostrata oltre quarant'anni fa, ma da allora nessuno era riuscito nel passaggio da immagini ferme a ricostruzioni dinamiche. La quantità di informazioni da gestire, infatti, era così grande da impedire una rappresentazione video in tempo reale. Dopo molti approcci, un primo passo in avanti era stato raggiunto dallo stesso gruppo di Peyghambarian nel 2008, grazie allo studio dei cristalli inorganici fotorefrattivi (capaci cioè di cambiare localmente la rifrazione luminosa se stimolati con un laser in modo da creare immagini realistiche). Allora i ricercatori avevano sviluppato uno schermo olografico monocromatico e in grado di aggiornare l'istantanea di un oggetto ogni quattro minuti: un risultato notevole, ma ancora lontano da una rappresentazione dinamica.

Lo schermo olografico. Ora il team di Scienze Ottiche dell'Università dell'Arizona ha sviluppato un apparecchio composto da un innovativo polimero fotorefrattivo capace di rappresentare video policromatici alla velocità di un fotogramma ogni due secondi: una prestazione che gli autori definiscono "quasi a tempo reale". Diversamente da un normale monitor, il polimero fotorefrattivo non è formato da pixel, bensì da "hogel" (elementi olografici, dall'inglese HOloGraphic ELement). "Questi elementi - spiegano i ricercatori - differiscono dai primi poiché contengono non solo informazioni punto per punto di luminosità e colore, ma anche i dati tridimensionali per ogni prospettiva dell'osservatore".

Gli hogel del monitor, dunque, vengono attivati grazie a impulsi laser della durata di sei miliardesimi di secondo e rimangono accesi per diversi minuti, a meno di un nuovo segnale laser: in questo modo lo schermo riesce a rappresentare sia oggetti in movimento, sia immagini statiche con una tridimensionalità pressoché reale. "Gli hogel permettono di avere una sensazione di completa parallasse", precisano gli autori. "Attraverso il nostro monitor è possibile osservare l'oggetto da diverse prospettive, avendo una sensazione molto più realistica rispetto a quella delle altre tecnologie tridimensionali".

La telepresenza in tre dimensioni. Oltre a sviluppare il monitor olografico, gli studiosi hanno dimostrato come la tecnologia non necessiti di incredibili processori e possa anzi essere facilmente implementata per trasmettere immagini 3D anche tra luoghi distanti, sfruttando una normale connessione a internet. "La grande novità del nostro sistema è di consentire la telepresenza olografica, ovvero la possibilità di registrare immagini tridimensionali che possano essere viste in ogni parte del mondo in tempo reale", spiega Peyghambarian. "Basta avere a un'estremità delle telecamere che registrano, una connessione con fibra ottica e uno dei nostri schermi dall'altra parte". Per dimostrare l'efficienza della telepresenza, i ricercatori hanno usato un sistema di registrazione basato su sedici telecamere, un computer da tavolo che processa le immagini e le trasmette via internet - sfruttando solo il dieci percento della banda disponibile - e il meccanismo di attivazione degli hogel sul monitor finale.

Un'esperienza tutta nuova. Gli scenari aperti da questa scoperta toccano diversi campi, tutti però accomunati da un unico punto: un'esperienza tridimensionale perfettamente reale. Come sottolineano gli autori, "lo strumento potrebbe rivelarsi molto utile per la telemedicina: i neurochirurghi, infatti, potrebbero operare al cervello avendo sotto gli occhi una chiara rappresentazione tridimensionale della situazione del paziente". Oltre alle applicazioni in campo medico, gli ologrammi "in diretta" fanno intuire forme di interazione completamente nuove, arricchite dalla loro somiglianza al reale: dalla semplice video-chiamata alla navigazione di mappe e cartine, le esperienze a distanza potrebbero presto acquisire quel senso di profondità che fa scattare la voglia di "allungare la mano". Allora sì che la fantascienza diventerà davvero pane quotidiano.
(04 novembre 2010)

martedì 2 novembre 2010

ninja shadow dance


black/white ninja choreography with fine soundtrack by stormbugs

LED Shadow dance


LED Design Takayuki Fujimoto
Sound and Programming Daito Manabe

[R] TheatreWorks, Singapore

Shadow dance (an excerpt from a dance performance "True")


Direction and LED Design:Takayuki Fujimoto
Sound design+programing and LED programming: Daito Manabe
Dancer: Tsuyoshi Shirai and Takao Kawaguchi

4-5/12/2010: Workshop “Quasi come Minority Report. L’uso di sensori elettronici nello spettacolo dal vivo”


Workshop per musicisti, attori ed artisti multimediali per sperimentare l’interfacciamento uomo-computer tramite sensori. Leggere elettronicamente i movimenti del corpo, inviare i dati al computer, generare musica ed eventi multimediali.

a cura di Paolo Corti

Abstract
L’obiettivo del workshop è approcciarsi al mondo dei sensori, sviluppando una serie di competenze nella progettazione e realizzazione di sistemi per la cattura del gesto, dei dati fisici corporali, dell’ambiente circostante.

Il seminario si struttura in due moduli: verranno date le basi del software Max/MSP (strumento creativo per la gestione di diversi media) grazie al quale si acquisiranno e gestiranno i dati in entrata, e ci saranno delle sessioni di laboratorio in cui affrontare le problematiche principali, sperimentare l’utilizzo e il controllo delle diverse interfacce e infine progettare veri e propri sistemi interattivi.

Possibili applicazioni artistiche del sistema che studieremo sono: generazione live di rumori, suoni e musica; di effetti video; di controllo di sistemi hardware… il tutto soltanto tramite la lettura dei dati del movimento dell’attore tramite piccoli sensori elettronici collegati al corpo.

Durante il workshop verranno utilizzati i sensori della EoWave, il software Max/MSP.

Quando
sabato 4 e domenica 5 dicembre 2010 dalle ore 10 alle ore 18 (con pausa pranzo)

Requisiti
Possono frequentare il workshop tecnici teatrali, artisti multimediali, musicisti, teatranti e curiosi con una formazione informatica di base. Non sono necessarie conoscenze specifiche.

Durante lo stage saranno forniti tutti i software utilizzati, e saranno a disposizione per entrambi i giorni alcuni sensori per le sperimentazioni (sistema EoWave, schede arduino, controller WII remote…).

Ogni partecipante può portare con se il proprio computer (PC o Mac indifferentemente). sono ben accetti anche hardware e software comandabili tramite protocolli OSC o MIDI, tali da poter essere interfacciati con il sistema che andremo a studiare.

Dove
Il workshop si svolgerà presso la Residenza Teatrale InItinere, sita nell’ex monastero di ValMarina, via Valmarina 25, a Bergamo.

Riferimenti
Residenza InItinere: http://initinere.net

Sensori EoWave: http://www.eowave.com

Max/MSP: http://cycling74.com/

Who’s who
Il workshop è tenuto da Paolo Corti, studente di Musica Elettronica e Tecnologie del Suono presso il Conservatorio G.Verdi di Como. Da sempre appassionato di musica e tecnologia, ha unito le due cose iniziando a studiare le nuove tecnologie musicali, concentrandosi sullo studio dell’interattività e della multimedialità.

Informazioni pratiche
costi
80 euro (studenti 60 euro).

luoghi:
residenza teatrale InItinere,

ex Monastero di Valmarina,

via Valmarina 25

Bergamo

informazioni
Per informazioni sui contenuti del workshop: Paolo Corti, paolocorti87@gmail.com , tel. 349 6774154

Per informazioni logistiche e sulle iscrizioni: Michele Cremaschi, residenzainitinere@gmail.com , tel. 320 2992681

iscrizioni
Le iscrizioni al workshop sono aperte fino al raggiungimento del numero di iscritti massimo previsto.

Si deve effettuare una preiscrizione inserendo i propri dati tramite il form raggiungibile da questa pagina; l’iscrizione è valida dal momento del pagamento della quota.

Per farlo, puoi:

- consegnarla a mano al nostro ufficio, via Papa Leone XIII 27, il mercoledì e il giovedì in orari di ufficio (chiama prima il 3803775764 per accordi, risponde Lucia)

- bonificare l’importo all’Iban: IT67 R076 0111 1000 0000 2106 571 intestato ad: associazione retroscena

Al workshop verranno consegnate le ricevute di pagamento. L’iscrizione comprende la quota associativa all’associazione Retroscena, e la conseguente assicurazione.

Scarica il flyer dell’iniziativa per maggiori dettagli.